Tag

,

J640 (1862) / F706 (1863)

Non posso vivere con Te –
Sarebbe Vita –
E la vita è di là –
Dietro lo Scaffale

Il Becchino ne tiene la chiave –
Per riporre
La nostra Vita – la Sua Porcellana –
Come una Tazza –

Scartata dalla Massaia
Antiquata – o Rotta –
Un Sèvres più nuovo piace –
Quelli vecchi s’incrinano –

Non potrei morire – con Te –
Perché Uno deve aspettare
Per chiudere l’Inerte Sguardo dell’Altro –
Tu – non potresti –

Ed io – Potrei star lì
E vederti – gelare –
Senza il mio Diritto al Gelo –
Privilegio della Morte?

Né potrei risorgere – con Te –
Perché il Tuo Volto
Scaccerebbe quello di Gesù –
Quella Nuova Grazia

Splenderebbe evidente – ed estranea
Nei miei occhi nostalgici –
Tranne che Tu di Lui
Brillassi più vicino –

Come – potrebbero giudicarci –
Perché Tu – servisti il Cielo – lo sai,
O cercasti di farlo –
Io non potei –

Poiché Tu saturavi il vedere –
E io non avevo più occhi
Per una sordida perfezione
Come il Paradiso

E fossi Tu perduto, io lo sarei –
Anche se il mio nome
Risuonasse più forte
Nella fama Celeste –

E fossi Tu – salvato –
E io – condannata ad essere
Dove Tu non sei –
Quell’essere – sarebbe l’Inferno per me –

Così Noi dobbiamo incontrarci da lontano –
Tu là – io – qui –
Con appena una Porta socchiusa
Affinché Oceani vi siano – e Preghiera –
E quel Bianco Nutrimento –
Disperazione –

Emily Dickinson

Annunci