Tag

, ,

cuore

A mio padre

 

Ore 18.00 del giorno che volge alla sera.
Non ho neanche sentito ciò che il primario di cardiochirurgia ha detto.
Attraverso i vetri, ti vedo,
Il volto stanco della sofferenza,
Ti sei arreso!
La mamma piange sommessamente,
piangono le zie,
piange come un bambino Fabrizio.
Angeli di Dio! venite a prenderlo:
è mio padre!

Portatelo al cospetto di Dio,
alla sua misericordia,
a quella immensa felicità
che qui non ha vissuto.
Ora ti abbraccio papà,
una mano sulla fronte,
se ti si gela
poi ti verrà il mal di testa,
un’altra sul cuore.
Ti riempio di tutti i baci che non ti ho mai dato,
tutti piangono, io no,
perché papà non riesco a sentire nulla?
Ti tengo fra le braccia come facevi tu con me
quando ero bambina
e sento il tuo corpo diventare gelido.
Due ore, due ore soltanto,
per stringerti ancora così,
per stringerti un’ultima volta.
Perdonami se non ho saputo capire,
perdonami se non ti ho saputo amare.
Correte Angeli di Dio,
Il mio papà è morto!
Come farò ora?
Da chi correrò per farmi abbracciare?
Chi mi proteggerà dal male del mondo?
Con chi discuterò?
Chi mi incoraggerà e sosterrà nelle mie scelte?
Chi?
Mentre il tuo volto diventa sempre più bianco,
vedo al di là del vetro,
il volto di mia madre.
Ora lo so,
vi siete amati davvero,
come vivrà senza di te?
Chi la dovrà sorreggere?
Và papà,
gli Angeli di Dio sono arrivati.
Và e non pensare a noi.
Penserò a tutto  io,
tu và, io rimango qui
finchè Dio vorrà.
Ti incontrerò di nuovo, un giorno,
nel frattempo sarò forte,
dammi tu la forza se dovessi vacillare.
Le tue mani sono fredde,
non sono riuscita a scaldarti,
ti ho chiuso gli occhi,
fissi, freddi, luminosi
come quelli di chi ha trovato la pace
e quegli occhi resteranno scolpiti nel mio cuore.
Và papà, non far aspettare Dio,
le Sue braccia sono spalancate verso di te
un uomo forte e giusto,
l’esempio della mia vita.
Ti portano via,
un lenzuolo bianco sul tuo corpo,
il tuo sudario.
Ciao papà ci vedremo da domani,
dentro il mio cuore,
per sempre.

(Roma, 9 ottobre 1995)

Stella Maria

Annunci