Se fossimo tutti scaltri e prevenuti, tali da non cadere nelle trappole della vita il mondo perderebbe il suo sapore e il colore. Si prendono “fregature” quando ci si affida e poichè non credo che siamo noi i giudici neanche di noi stessi, l’ingenuità mostra il lato aperto del nostro io, quello che da e non importa se riceve.
Di recente sono stata al funerale del papà di un mio amico, alla fine il sacerdote ha detto: auguro a voi tutti di avere un giorno la chiesa piena come oggi per Giovanni, perchè vorrà dire che avete molto amato. Ecco, la differenza è tutta qui: essere pieni fin in profondità o abbandonarsi al vuoto del non farsi fregare, in quanto a chi distribuisce sòle, giustizia c’è anche in questa terra e prima o poi imparerà la lezione e forse cambierà. Non c’è insegnate più severe della vita.

La poesia e lo spirito

da qui

Non è un gran giorno, oggi. Sembrava che tutto si mettesse per il meglio, che il passato cedesse a un mondo nuovo, in cui tutte le promesse trovassero la via per realizzarsi.

View original post 450 altre parole

Annunci